CLAUDIO BALLESTRACCI
Emporio 996/04 / Private Publiphono
[scultura]


“La vista delle rovine ci fa fugacemente intuire / l’esistenza di un tempo che non è quello di cui parlano i manuali di storia / o che i restauri cercano di richiamare in vita […] Un tempo perduto che l’arte talvolta riesce a ritrovare.” (Marc Augé).

Claudio Ballestracci, Vimercate (Mi), 1965. Dalle Arti figurative approda all’architettura concentrando il suo lavoro sul rapporto poetico fra natura e paesaggio, luce e ambiente. Ha collaborato con Pitti Immagine di Firenze e ha partecipato alla 52° edizione della Biennale di Venezia.

news | chi siamo | dove | press | contatti