[musica + teatro]
MARA CASSIANI / SILVIA COSTA / LORENZO TOMIO

CONCERTO SENZA FORMA PER I TEMPI A VENIRE
di Mara Cassiani, Silvia costa, Lorenzo Tomio

“Un suono è vibrazione di un corpo in oscillazione. Sotto forma di onde poi si propaga nell'aria, si allontana, si consuma, se ne perde ogni traccia. Ripartiamo da quella fonte che lo produce, la portiamo davanti in primo piano e proviamo a farne una musica”.

Il concerto coinvolge tre persone, in scena si vedono due ragazze e un ragazzo, un tavolo e un impianto audio. La scena e' centrata sulle due ragazze che di volta in volta eseguono alcune azioni, azioni che producono suono: talvolta utilizzando oggetti, altre semplicemente con il loro movimento.
Il ragazzo tesse, ricompone, raccoglie i suoni prodotti attraverso microfoni posizionati nello spazio. Una scatola di gessetti ha un suono debole ma sapientemente amplificato diviene simile a campane; il loro impiego produce polvere e colora di bianco le mani di chi li sta utilizzando. Ci interessa anche che le persone sentano il suono nascosto degli oggetti, che possano intenderli come veri e propri strumenti musicali.
Le azioni delle ragazze sono fortemente legate tra loro dal suono: condiziona la loro relazione al punto da costituire talvolta un unico organismo.
Azioni che si compenetrano, dove strumento impiegato e suono prodotto impongono una coreografia di movimenti al corpo.
Del suono consideriamo anche la spazialita' nonché il suo sviluppo.
Ogni strumento diviene centro di una ricerca sul suono.
Allo stesso modo, la voce viene utilizzata per distendersi tra i suoni, ma anche per creare una relazione con l'azione, per accordarsi come uno strumento tra gli oggetti. Le azioni e i movimenti sono fondamentali quanto la ricerca sonora.
Inizialmente la scena e' nascosta, man a mano si svela al pubblico la sorgente dei suoni e man a mano la scena si riempie di azioni, cioè di suoni.
Di ciò che rimane proviamo a farne musica.

Mara Cassiani

Cantante e performer investiga le potenzialita' di suono e di voce nella loro genesi e nel loro rapporto con la scena. Inizia la sua formazione con Horacio Czertok (Teatro Nucleo), nel 2004 il significativo incontro col Teatro Valdoca (Ero bellissimo avevo le ali, 2005) da cui parte una personale e profonda riflessione su voce e suono. Nello stesso anno partecipa all'organico de L'invisibile corpo dell'oggetto di Mirko Sabatini, presentato al Festival Angelica 2005. Seguono molti incontri tra cui quello con Atsushi Takenuochi, durante il quale approfondisce la vocalità nella danza butoh.
Fondamentale nel 2007 l'incontro con Chiara Guidi e Scott Gibbons (Il verso, il suono articolato, la voce - 2007), ed il successivo Madrigale appena narrabile. Nel 2009 partecipa e cura la parte vocale di Ayè e J,Y di Davide Savorani. Collabora inoltre con Plumes dans la tête, Societas Raffaello Sanzio, Ilenia Corti, Massimo Ottoni, Death in donut plains.

Silvia Costa

Nata a Treviso nell'1984 si è diplomata in Arti Visive e dello Spettacolo presso l'università IUAV di Venezia. Come attrice ha lavorato in Hey girl! e in Inferno per la Socìetas Raffaello Sanzio. Insieme al musicista e compositore Lorenzo Tomio fa parte di Plumes dans la tête, una sorta di contenitore: di idee, di cose,
di persone. La sua ricerca oggi verte sulla creazione di immagini, nell’insieme insieme dei corpi, degli spazi e dei suoni. Tali elementi devo combinarsi ogni volta in maniera differente e senza gerarchie, se non quelle dettate dall'idea. Il primo lavoro La quiescenza del seme ha vinto il bando di produzione Dimora Fragile (festival ES.Terni 07). Il più recente Figure è stato realizzato con il sostegno dell'ETI (Ente Teatrale Italiano) all'interno del progetto Nuove Creatività.

Lorenzo Tomio

Diplomato al biennio di specializzazione in chitarra classica ha studiato composizione al conservatorio di Adria. Finalista al concorso internazionale di composizione "Musica e Arte" di Roma i suoi brani sono pubblicati dalla casa
editrice ArsPublica; i relativi cd sono stati prodotti da AliaMusica (Compositori a Confronto 2005), RES e GiardiniSonori. Questi lavori sono stati eseguiti dal vivo in Italia (Roma, Venezia, Milano, Bologna, Treviso, Padova, Reggio Emilia) e all'estero (Canada, Germania, Gran Bretagna,Australia, Spagna, Slovenia, USA). Compone musiche per Teatro e Danza. Cura inoltre installazioni sonore e sound design per varie esposizioni. E' co-fondatore e chitarrista dell'ensemble di musica contemporanea L'Arsenale.


chi siamo | artisti | dove | press | contatti