[musica + poesia]
STEFANO BENNI / PAOLO ANGELI

SALONS
In collaborazione con Caffè Letterario Lugo

Nel 1986 l'editore Franco Maria Ricci sottopose allo sguardo di Giorgio Manganelli immagini disparate: tabacchiere e stemmi come celebri quadri e affreschi, vetri preziosi e fotografie, disegni e frammenti di templi. Immobile al suo tavolo di scrittore, Manganelli elaborava prose sulla base di queste immagini, scriveva cronache di visite immaginarie.
Stefano Benni prendendo spunto da Salons fantasticherà attorno a vari oggetti messi in scena a sorpresa in un continuo dialogo con l’eclettico musicista Paolo Angeli.

Stefano Benni

Nasce a Bologna nel 1947. Giornalista, scrittore e poeta collabora attualmente con il giornale francese Liberation . Ha curato la regia e la sceneggiatura del film Musica per vecchi animali (1989), scrive per il teatro e ha allestito e recitato in numerosi spettacoli con vari musicisti jazz e classici. È ideatore della Pluriversità dell'Immaginazione. È autore di numerosi romanzi, antologie e racconti di successo tradotti in oltre trenta paesi. (Tra i più famosi, Bar Sport, La compagnia dei Celestini, Saltatempo, Margherita Dolcevita).

Paolo Angeli

Prodigio della chitarra sarda preparata con cui si esibisce abitualmente dal vivo e visionario creativo dell' avantgarde-jazz, Paolo Angeli ha raggiunto una maturità ormai indiscutibile sviluppando uno stile così personale da costituire quasi un genere musicale a sé stante che coniuga tradizione sarda, canto in Re, pratiche improvvisative, la passione per Fred Frith e Bjork con uno spirito davvero unico. Per tradurre in musica le sue idee originali, Angeli ha sviluppato un modello di chitarra che gli consente di andare oltre i limiti impostigli dai tradizionali strumenti a sei corde.


chi siamo | artisti | dove | press | contatti